Home / Notizie / Il Ministero del Lavoro ha aderito alla campagna di sensibilizzazione "#HomelessZero"

Il Ministero del Lavoro ha aderito alla campagna di sensibilizzazione "#HomelessZero"

13 giugno 2016
Poletti Avonto Gere firma HomelessZero

​Nell'ambito del Taormina Film Fest, è stato firmato sabato 11 giugno il Protocollo d'Intesa tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e la fio.PSD Onlus (Federazione Italiana Organismi per le Persone Senza Dimora), a supporto della campagna di sensibilizzazione "#HomelessZero".

La proposta era stata lanciata il 10 dicembre 2015 - durante la presentazione dei risultati della "Indagine sui Senza Dimora" e delle "Linee di indirizzo per il contrasto alla grave emarginazione adulta in Italia" e aveva ricevuto, fin d'allora, l'interesse del Ministero a supportare la campagna.

Nel testo dell'accordo, sottoscritto dal Ministro Giuliano Poletti e dalla presidente della fio.PSD Cristina Avonto, si legge: "Nell'ambito di una cornice strategica di contrasto al fenomeno dei senza dimora, denominata appunto #HomelessZero, il Ministero e la fio.PSD si propongono di promuovere azioni volte a ridurre il numero delle persone senza dimora, ad alleviarne la condizione di bisogno, a favorire nei servizi una presa in carico appropriata al fine di accompagnare l'homeless verso l'autonomia, a sostenere l'adozione di misure di prevenzione, a sensibilizzare l'opinione pubblica sul fenomeno".

L'obiettivo di #HomelessZero, è porre fine all'estrema povertà in cui vivono oggi oltre 50 mila persone (fonte fio.PSD, su dati Istat 2014). La campagna è rivolta al mondo politico, dell'associazionismo, del lavoro, della salute, alla società civile e all'opinione pubblica per richiamare la loro attenzione e invitarli a partecipare attivamente in una logica di welfare generativo, alla messa in campo di azioni coordinate "in cui le persone senza dimora - ha posto in evidenza il Ministro Poletti - siano parte integrante e che abbiano come finalità il riconoscimento della dignità umana e l'esigibilità dei diritti inviolabili già riconosciuti dalla Costituzione Italiana". La campagna, infatti, promuove e sostiene la diffusione sul territorio nazionale di politiche abitative innovative che possano risolvere il problema primario delle persone senza dimora: la casa. Riconoscere il diritto alla casa significa riconoscere la casa come porta di accesso ai servizi, come luogo sicuro, confortevole e adeguato dal quale partire con un percorso di accompagnamento sociale professionale che affronti gradualmente le diverse problematiche legate alla condizione dei senza dimora (la cittadinanza, la residenza, la salute, il diritto al lavoro, l'educazione, la cultura, la socialità, il godimento dei beni comuni, diritto alla partecipazione e alla rappresentanza).

A fare da testimonial a #HomelessZero, Richard Gere - presidente onorario della kermesse cinematografica taorminese - che ha potuto sperimentare di persona la disperazione degli homeless.
Nel corso delle riprese del suo film "Time out of mind", infatti, l'attore non è stato riconosciuto per una settimana poiché nessuno lo guardava in viso, rendendolo di fatto invisibile.

Per approfondimenti visita il Focus on dedicato alle Povertà estreme