Home / Notizie / Le tendenze dell’occupazione, la nota congiunta del Ministero del Lavoro, INAIL, INPS e ISTAT

Le tendenze dell’occupazione, la nota congiunta del Ministero del Lavoro, INAIL, INPS e ISTAT

27 giugno 2017

​IMinistero del Lavoro e delle Politiche Sociali, l'INAIL, l'INPS e l'ISTAT pubblicano oggi, in contemporanea sui rispettivi siti web, la terza "Nota trimestrale sulle tendenze dell'occupazione" relativa al primo trimestre 2017.

In questa Nota congiunta, oltre a fornire dati di maggior dettaglio sulle denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale classificate per settore di attività economica, prodotti dall'INAIL, vengono allegate delle tavole relative alle serie storiche dei seguenti dati:

- il flusso di Attivazioni, Cessazioni e Trasformazioni per settore di attività economica e tipologia di contratto (Comunicazioni Obbligatorie, fornite dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, rielaborate);

- gli stock relativi alle posizioni lavorative dipendenti nelle imprese industriali e dei servizi di fonte Istat e in particolare provenienti dalla rilevazione su Occupazione, retribuzioni, oneri sociali (Oros).

Nel primo trimestre 2017 prosegue la tendenza all'aumento dell'occupazione su base annua e in termini congiunturali. La crescita tendenziale dell'occupazione è ancora interamente determinata dalla componente del lavoro dipendente, sia in termini di occupati sia di posizioni lavorative riferite specificamente ai settori dell'industria e dei servizi.

Riguardo, in particolare, le Comunicazioni Obbligatorie (CO) del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, nella Nota diffusa oggi, emerge che per il quarto trimestre consecutivo continua a ritmi crescenti l'aumento  del lavoro dipendente a tempo determinato.

Da fonte INPS, oltre ai dati per classe dimensionale d'impresa, vengono diffuse alcune informazioni sul lavoro somministrato e a chiamata. Infine, relativamente ai dati provenienti dalla Rilevazione sulle forze di lavoro (Rfl) dell'ISTAT, nella nota essi sono stati analizzati tenendo conto anche degli effetti demografici nell'andamento di occupati, disoccupati e inattivi per classe di età.


Leggi il testo completo della Nota congiunta

Vai alle tavole CO

Vai alle tavole posizioni lavorative Oros