Home / Notizie / Riparte “Il posto giusto”, programma tv realizzato in collaborazione con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Riparte “Il posto giusto”, programma tv realizzato in collaborazione con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

16 novembre 2016

Riprenderà il 20 novembre, su Rai3, l'appuntamento con "Il posto giusto", programma televisivo realizzato in collaborazione con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

In venti puntate, in onda tutte le domeniche alle 13:00, la trasmissione - in un percorso parallelo tra attualità e futuro - descriverà l'Italia delle eccellenze, dell'artigianato e dei distretti industriali, l'Italia delle start-up e delle scuole di formazione, l'Italia di chi è alla ricerca di un lavoro. Nelle intenzioni degli autori, infatti, "Il posto giusto" si candida al ruolo di bussola, di guida, di navigatore per orientarsi al meglio nel mondo dell'occupazione e restare informati sulle più recenti opportunità.

Conduttore dell'edizione 2016/2017 sarà Federico Ruffo, giornalista che ha collaborato con le trasmissioni "Report" e "Presadiretta", che si avvarrà di un gruppo di giovani film-maker per raccontare le esperienze positive così come le difficoltà di chi non ha ancora trovato una sistemazione nel mondo del lavoro.

La scenografia post-industriale dello studio tv, realizzato nel Centro di Produzione RAI di Torino, ospiterà ogni settimana imprenditori, artigiani ed esperti. Un formatore professionista seguirà in tempo reale le persone in cerca di occupazione e darà loro indicazioni e consigli sugli strumenti indispensabili per affrontare i momenti più importanti nella vita professionale di ognuno: come scrivere un curriculum, come affrontare un colloquio o come proporsi al proprio superiore, sono soltanto alcuni tra gli argomenti di cui si parlerà in trasmissione.

La presentazione della nuova edizione de "Il posto giusto", ha offerto l'opportunità per la sigla di un Protocollo d'Intesa tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e la RAI, firmato dal Ministro Giuliano Poletti e dal Direttore Generale RAI Antonio Campo Dall'Orto, finalizzato a promuovere la diffusione di una cultura del lavoro e a rafforzare nei giovani le competenze cognitive, relazionali e valoriali per favorirne il successo formativo e la partecipazione alla vita sociale e lavorativa del Paese.

Le veloci evoluzioni che il mondo sta vivendo, sia sul piano culturale sia su quello sociale, hanno offerto al Ministro Poletti l'opportunità di mettere in evidenza quanto l'accordo con la RAI sia centrale "per divulgare questi cambiamenti e aggiornare i lavoratori attuali e quelli del domani".