Home / Notizie / Sgravi contributivi per le cooperative sociali che assumono a tempo indeterminato donne vittime di violenza di genere

Sgravi contributivi per le cooperative sociali che assumono a tempo indeterminato donne vittime di violenza di genere

16 luglio 2018

Il Decreto ministeriale dell'11 maggio 2018, emanato ai sensi dell'art. 1, comma 220, della Legge di Bilancio 2018, prevede, in favore delle cooperative sociali che assumono donne vittime di violenza di genere, con contratti di lavoro a tempo indeterminato, l'esonero dal versamento dei complessivi contributi previdenziali. Tale esonero, riferito alle assunzioni effettuate nel corso dell'anno 2018, è riconosciuto nel limite massimo di importo pari a 350 euro su base mensile.

Come prescritto dal DM, ai fini dell'ammissione al beneficio, le cooperative sociali devono produrre la certificazione del percorso di protezione rilasciata dai servizi sociali del comune di residenza o dai centri anti-violenza o dalle case-rifugio di cui all'art. 5-bis del decreto-legge n. 93/2013, convertito con modificazioni dalla legge n. 119/2013.

Le agevolazioni sono riconosciute dall'INPS in base all'ordine cronologico di presentazione delle domande da parte delle cooperative sociali ed entro un limite di spesa pari a 1 milione di euro per ciascuno degli anni 2018-2020.