Home / Priorita / Concluso l'European Employers’ Day, incontro tra servizi pubblici per l’impiego e datori di lavoro

Concluso l'European Employers’ Day, incontro tra servizi pubblici per l’impiego e datori di lavoro

15 aprile 2016
logo PES

Poletti: "Le politiche attive devono costruire ponti e realizzare possibilità"

Per la prima volta, nella storia dell'Unione Europea, un evento dedicato al lavoro si è svolto contemporaneamente in trenta Paesi: i 28 dell'UE più Islanda e Norvegia.

L'European Employers' Day, organizzato dal Network PES (Public Employment Services, la Rete europea dei Servizi Pubblici per l'Impiego) allo scopo di promuovere l'incontro tra servizi pubblici per l'impiego e datori di lavoro, è durato dodici giorni, da lunedì 4 a venerdì 15 aprile, e ha interessato circa 150.000 persone.

Nel corso delle due settimane dedicate all'evento, ogni Stato ha proposto iniziative e attività legate alle esigenze specifiche del proprio mercato del lavoro.

In Italia, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, nella scia delle indicazioni del PES Board, ha organizzato giovedì 7 aprile l'Employers' Day italiano. A testimonianza dell'interesse riservato all'iniziativa, sull'interno territorio nazionale sono stati oltre 400 i Centri per l'Impiego coinvolti e oltre 200 gli eventi organizzati: workshop, spazi dedicati, job fairs, job cafè, sessioni di recruitment, convegni e seminari. Secondo le prime rilevazioni, effettuate con il supporto di Italia Lavoro, alle iniziative territoriali hanno partecipato oltre 4.000 aziende, con circa 10.000 opportunità di lavoro offerte.

Tra le numerose iniziative, il Centro per l'Impiego di Roma "Porta Futura" ha ospitato il Convegno Nazionale, cui ha preso parte il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti. Il Convegno ha offerto l'opportunità per un confronto e un approfondimento tanto sulle riforme avviate, quanto sugli strumenti disponibili per favorire l'occupazione e migliorare il sistema italiano dei servizi per il lavoro.

Poletti ha posto l'accento sulla necessità di inaugurare una nuova stagione delle politiche attive, difendendo il lavoro poiché è perno essenziale dell'esistenza dignitosa di un individuo e creando una nuova visione positiva dell'impresa. "Le politiche attive devono costruire ponti, collegamenti, possibilità - ha posto in luce il Ministro -  e creare strumenti che migliorino, attivino e producano la partecipazione responsabile dei cittadini. Il lavoro è una parte essenziale dell'esistenza dignitosa di un individuo. Ogni persona deve avere l'opportunità di essere integralmente se stessa lavorando".
 

Vai al sito dell'iniziativa del Network PES

Vai alla sezione dedicata nel sito Cliclavoro

Consulta la guida​ agli incentivi per le assunzioni​