Home / Priorita / #diamociunamano avrà una sezione specifica nel sito

#diamociunamano avrà una sezione specifica nel sito

11 marzo 2015

Prosegue il percorso di #diamociunamano, la misura sperimentale, promossa dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che punta a coinvolgere le persone beneficiarie di un sostegno al reddito in attività di volontariato a fini di utilità sociale, nell'ambito di progetti realizzati congiuntamente da organizzazioni del terzo settore e da comuni o enti locali.

Nella sezione specifica del sito sono stati inseriti, ad un mese dall'attivazione, 26 progetti di utilità sociale che offrono l'opportunità di impegnarsi in un'attività di volontariato ai soggetti destinatari della misura.

I progetti sono promossi da Comuni, Enti locali ed Associazioni del Terzo settore e propongono attività che vanno dalla manutenzione del verde all'accompagnamento di anziani, minori e disabili, dalla piccola manutenzione edilizia all'educazione ed istruzione. La misura sperimentale, contenuta nel Decreto Legge 90 del 2014 e resa operativa da un decreto del Ministro del Lavoro, prevede che i soggetti beneficiari di misure di sostegno al reddito possano essere invitati a rendersi disponibili, in forma volontaria, per essere coinvolti in attività di volontariato a fini di utilità sociale in favore della propria comunità, nell'ambito di progetti realizzati congiuntamente da organizzazioni di terzo settore e da comuni o enti locali.

Una volta acquisita la disponibilità del soggetto e verificato il possesso dei requisiti, l'organizzazione di terzo settore potrà richiedere all'Inail l'attivazione della copertura assicurativa i cui oneri saranno sostenuti da un apposito Fondo, di durata biennale, istituito presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Tenuto conto che attualmente sono assegnati al Fondo 4.900.000 euro per ciascuno dei due anni, si stima di poter assicurare annualmente circa 4.900.000 giornate, equivalenti a circa 19.000 soggetti per un intero anno.

Vai alla notizia del 28 gennaio 2015