Home / Stampa e media / Comunicati / Premi di produttività: sono 15.078 i contratti aziendali e territoriali depositati

Premi di produttività: sono 15.078 i contratti aziendali e territoriali depositati

15 settembre 2016

Premi di produttività: sono 15.078 i contratti aziendali e territoriali depositati

 

A seguito di quanto previsto dal Decreto Interministeriale 25 marzo 2016 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 14 maggio 2016), relativo alla tassazione agevolata dei premi di produttività e delle somme erogate sotto forma di partecipazione agli utili di impresa, il Ministero del Lavoro ha reso disponibile la procedura per il deposito telematico dei contratti aziendali e territoriali. Il 15 luglio 2016 era il termine per effettuare l'invio dei modelli relativi agli accordi sottoscritti nel 2015.

Alla data del 14 settembre 2016 sono state compilate 15.078 dichiarazioni di conformità, redatte secondo l'articolo 5 del DM 25 marzo 2016, di cui 11.003 si riferiscono a contratti sottoscritti nel 2015.

 

La tabella che segue mostra la distribuzione regionale delle dichiarazioni:

 

AziendaleTerritoriale
Regione DTLTotaledi cui 2015Totaledi cui 2015Totaledi cui 2015
01-PIEMONTE1.22090591711.311976
02-VALLE D'AOSTA1917432320
03-LOMBARDIA3.8792.8203703304.2493.150
04-BOLZANO2523112624
04-TRENTO184129281137465266
05-VENETO1.5431.0715712792.1141.350
06-FRIULI355235394394239
07-LIGURIA2802096253342262
08-EMILIA ROMAGNA1.8771.4517026762.5792.127
09-TOSCANA8736752031821.076857
10-UMBRIA17812522180127
11-MARCHE2541711815272186
12-LAZIO802542150131952673
13-ABRUZZO18813440192134
14-MOLISE2820213021
15-CAMPANIA2841923730321222
16-PUGLIA136951310149105
17-BASILICATA643932179656
18-CALABRIA4541605141
19-SICILIA12572191614488
20-SARDEGNA105777211279
TOTALE12.4649.0432.6141.96015.07811.003


Dei 15.078 contratti depositati*, 11.813 si propongono di raggiungere obiettivi di produttività, 8.700 di redditività, 6.721 di qualità.

Passando alle misure previste dagli accordi depositati: 1.480 prevedono un piano di partecipazione e 2.626 prevedono misure di welfare aziendale.

 

Cosa prevede il decreto per la tassazione agevolata dei premi di risultato e della partecipazione agli utili di impresa

Il decreto attua la norma, contenuta nella legge di stabilità 2016 (art.1, commi da 182 a 191, della legge 28 dicembre 2015 n. 208), che prevede una tassazione agevolata, con imposta sostitutiva del 10%, per i premi di risultato e per le somme erogate sotto forma di partecipazione agli utili dell'impresa, entro il limite di 2.000 euro lordi (che sale a 2.500 euro per le aziende che «coinvolgono pariteticamente i lavoratori nell'organizzazione del lavoro») in favore di lavoratori con redditi da lavoro dipendente fino a 50mila Euro.

Il decreto disciplina i criteri di misurazione degli incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione ai quali i contratti aziendali o territoriali legano la corresponsione di premi di risultato di ammontare variabile nonché i criteri di individuazione delle somme erogate sotto forma di partecipazione agli utili dell'impresa.

Il decreto disciplina, inoltre, gli strumenti e le modalità attraverso cui le aziende realizzano il coinvolgimento paritetico dei lavoratori nell'organizzazione del lavoro e l'erogazione, tramite voucher, di beni, prestazioni e servizi di welfare aziendale (come, ad esempio, servizi di educazione e istruzione per i figli, o di assistenza ai familiari anziani o non autosufficienti, ecc.). Questi ultimi benefit sono esclusi dal reddito di lavoro dipendente. Per questo, l'eventuale scelta del lavoratore di convertire i premi di risultato agevolati nei benefit ricompresi nel "welfare aziendale" consente di detassare completamente il loro valore, non più soggetto neppure all'imposta sostitutiva del 10 per cento.

 

 

*iI numero si riferisce al totale dei modelli compilati, indipendentemente se il contratto è stato depositato contestualmente ovvero, soprattutto per gli accordi sottoscritti nel 2015, fa riferimento a intese depositate precedentemente.