Home / Stampa e media / Comunicati / Tavolo operativo per la definizione di una nuova strategia di contrasto al caporalato e allo sfruttamento in agricoltura

Tavolo operativo per la definizione di una nuova strategia di contrasto al caporalato e allo sfruttamento in agricoltura

18 dicembre 2018

Incontro tecnico al Ministero del Lavoro per rendere operativo il tavolo sul caporalato

Entra nella fase operativa il tavolo tecnico per il contrasto al caporalato. Si è svolto al Ministero del Lavoro, presieduto dal Vicecapo di Gabinetto, Cons. Fabia D'Andrea, il primo incontro con i rappresentanti del Ministero dell'Interno, del  Ministero delle Politiche Agricole, del Ministero dei Trasporti, dell'ANPAL, dell'INL, dell'INPS, del Comando Carabinieri per la tutela lavoro, delle Regioni e delle Province autonome di Trento e di Bolzano e dell'Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI).

L'incontro è propedeutico alla definizione del piano triennale di azioni di prevenzione e contrasto del fenomeno del caporalato.

La norma istitutiva del Tavolo è stata inserita nel decreto fiscale 2019, approvato il 13 dicembre, che affida al Ministro del Lavoro o a un suo delegato il compito di presiederne i lavori.

Entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione, con Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con i Ministri delle Politiche Agricole, della Giustizia e dell'Interno saranno formalmente stabiliti l'organizzazione e il funzionamento del Tavolo.

Nelle more di adozione del Decreto, sono state individuate sei macro aree di intervento sulle quali concentrare l'azione dei soggetti istituzionali competenti: 1) prevenzione, vigilanza e repressione del fenomeno; 2) filiera produttiva agroalimentare, prezzi dei prodotti agricoli, 3) intermediazione tra domanda e offerta di lavoro; 4) trasporti; 5) alloggi, foresterie temporanee/sgombero insediamenti abusivi; 6) Rete del lavoro agricolo di qualità.

Potranno partecipare alle riunioni del Tavolo anche i rappresentanti dei datori di lavoro e dei lavoratori del settore nonché delle organizzazioni del Terzo Settore.