Home / Stampa e media / Comunicati / Whirlpool, Governo: massima attenzione. Presenti ad accordo piano industriale

Whirlpool, Governo: massima attenzione. Presenti ad accordo piano industriale

12 aprile 2016

Whirlpool, Governo: Massima attenzione. Presenti ad accordo piano industriale

Dichiarazione del Sottosegretario Massimo Cassano


 

"La vicenda Whirlpool è stata sin da subito seguita con la massima attenzione dal governo, tant'è che, a seguito del referendum, l'accordo sul piano industriale è stato formalizzato e reso operativo in data 24 luglio 2015 a Palazzo Chigi, anche alla presenza dei rappresentanti del ministero dello Sviluppo economico, del ministero del Lavoro, dei rappresentanti delle regioni e delle organizzazioni sindacali". Lo ha detto, in aula alla Camera, il sottosegretario al Lavoro, Massimo Cassano, rispondendo a due interrogazioni sul caso Whirlpool a firma Lega Nord e Sinistra  italiana-Sel. "A seguito dell'acquisizione di Indesit company spa da parte di Whirlpool corporation, avvenuta nel dicembre 2014 e perfezionata il 19 febbraio 2015 - ha spiegato Cassano – è stato definito il piano industriale finalizzato a dare attuazione alla fusione delle due realtà e a ridefinire l'assetto industriale e delle sedi amministrative-commerciali in Italia". "Dopo il necessario confronto con le parti sociali, il ministero del Lavoro e il ministero  dello Sviluppo economico,  sono stati sottoscritti due accordi: uno sul piano  industriale,  il  cosiddetto  accordo  quadro,  e  uno  sui  programmi straordinari  di  incentivazione  e  supporto  del  piano industriale. Entrambi gli accordi - ha spiegato il Sottosegretario - sono stati sottoposti alla valutazione dei lavoratori  di  tutte le sedi italiane mediante referendum, il cui esito ha registrato l'83% di voti favorevoli. Considerato che nel piano industriale" della Whirlpool "la sola area che non ha esuberi è quella di Cassinetta, sono stati previsti specifici programmi per incentivare i trasferimenti del personale dei siti di None e Carinaro, rispetto a una disponibilità, presso il sito di Cassinetta, stimata in circa 120 posizioni; ad oggi, solo 50 dipendenti di Carinaro hanno manifestato l'interesse al trasferimento e, di questi, solo 35 sono stati presi in carico a Cassinetta e altri 12 sono in attesa di formalizzare il passaggio. Nell'accordo - ha concluso - è stata prevista anche la disponibilità a considerare le candidature dei familiari, conviventi e maggiorenni, nella misura massima di una per nucleo familiare, per contratti di somministrazione della durata massima di due mesi, senza alcun impegno di stabilizzazione o assunzione a tempo indeterminato".