Home / Stampa e media / Comunicati / Bekaert: firmato l'accordo di cassa integrazione per la re-industrializzazione

Bekaert: firmato l'accordo di cassa integrazione per la re-industrializzazione

21 dicembre 2018

​Oggi, nella sede del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, si sono incontrati i rappresentanti dell'azienda, le Organizzazioni Sindacali e i tecnici del Dicastero per la stipula dell'accordo governativo di cui all'art. 44 del Decreto legge 109/2018.

Il tavolo, presieduto dal Vice Capo di Gabinetto del MISE, ingegner Giorgio Sorial, ha dunque prodotto risultati rilevanti nella delicata situazione della multinazionale belga Bekaert, che a giugno aveva dichiarato l'intenzione di chiudere l'unità produttiva di Figline Valdarno, in provincia di Firenze, attivando la procedura di licenziamento collettivo per cessazione.

I rappresentanti della società per la re-industrializzazione Sernet, incaricata da Bekaert, hanno illustrato un concreto progetto e fornito chiarimenti ai rappresentanti dei Sindacati intervenuti.

Dal proprio punto di vista, i tecnici del Ministero hanno preso atto con soddisfazione della sinergia che si è creata tra le parti.

Nel dettaglio, sono state individuate molte aziende interessate alla re-industrializzazione: per una ventina di esse, sarà necessario un approfondimento; per quattro, invece, la trattativa è promettente e già in stato avanzato.

Al termine dell'incontro, soddisfazione è stata espressa dall'ingegner Sorial, che ha ricordato la complessità della trattativa: "Siamo partiti da una situazione particolare, molto difficile, che avrebbe determinato il licenziamento immediato dei lavoratori e nessuna copertura di ammortizzatori". L'accordo firmato oggi, invece, consentirà di evitare il licenziamento dei dipendenti della Bekaert.

Nel ricordare i punti di forza del Decreto 109/2018, il Vice Capo di Gabinetto si è detto "soddisfatto per la metodologia seguita e il percorso compiuto assieme dalle parti, che ha permesso di dare ai dipendenti Bekaert e tanti altri lavoratori in Italia la possibilità di essere supportati da un concreto strumento di ammortizzazione, che non esisteva nella nostra legislazione e che è stato introdotto appositamente dal Ministro Di Maio. Uno strumento nuovo, concepito proprio per la Bekaert e che consentirà di restituire opportunità a numerose altre aziende in crisi e supportare i processi di reindustrializzazione".


Leggi la Priorità del 3 ottobre 2018, "Bekaert: evitati 318 licenziamenti con il ripristino della Cassa integrazione per cessazione"