Home / Strumenti e servizi / Deposito telematico contratti

Deposito telematico contratti di secondo livello

L'articolo 14 del Decreto Legislativo n.151/2015 stabilisce come le agevolazioni legate alla stipula di contratti collettivi aziendali o territoriali siano riconosciute a condizione che questi vengano depositati in via telematica. Tale adempimento è necessario a prescindere dal tipo di agevolazione che può essere di natura fiscale, contributiva o di altro genere.

Una volta effettuato il deposito telematico, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e l'Ispettorato Nazionale del Lavoro mettono a disposizione delle altre amministrazioni e degli enti pubblici interessati le informazioni contenute nei contratti.

Attualmente le funzionalità del deposito, disponibili sul portale dei servizi del Ministero (Cliclavoro), permettono di accedere a due benefici: la detassazione per i premi di risultato, la partecipazione agli utili di impresa e il welfare aziendale (Decreto Interministeriale 25 marzo 2016) e la decontribuzione per le misure di conciliazione dei tempi di vita e lavoro (Decreto Interministeriale 12 settembre 2017).

I datori di lavoro del settore privato che intendono usufruire delle agevolazioni devono eseguire la procedura dei deposito prevista per la detassazione, illustrata qui.

Mentre, per accedere alla sola decontribuzione, il deposito deve avvenire secondo le modalità e le tempistiche indicate qui.

 

 

N.B. I datori di lavoro che avessero già provveduto al deposito telematico di un contratto aziendale ai fini della detassazione, secondo le modalità del Decreto Interministeriale del 25 marzo 2016, non dovranno effettuare un nuovo deposito telematico per usufruire della decontribuzione sperimentale del Decreto Interministeriale del 12 settembre 2017. Sarà, comunque, necessario l'invio della domanda in via telematica sul portale INPS.