Home / Temi e priorità / Terzo settore e responsabilità sociale delle imprese / Focus on / Cinque per mille / Note sul pagamento

Note sul pagamento

L'Agenzia delle Entrate, sulla base delle scelte operate dai contribuenti per ciascun anno finanziario, trasmette al Ministero dell'Economia e delle Finanze, i dati occorrenti a stabilire gli importi delle somme che spettano a ciascuno dei soggetti a favore dei quali i contribuenti hanno effettuato una valida destinazione della quota del cinque per mille della loro imposta sui redditi delle persone fisiche.

Le somme da stanziare per la corresponsione del cinque per mille sono iscritte in bilancio sull'apposito Fondo dello Stato di previsione del Ministero dell'Economia e delle Finanze.

La corresponsione a ciascun soggetto delle somme spettanti, sulla base degli elenchi predisposti dall'Agenzia delle Entrate, è effettuata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per i soggetti del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale.

L'ente beneficiario non ha diritto alla corresponsione del contributo qualora, prima dell'erogazione delle somme allo stesso destinate, abbia cessato l'attività o non svolga più l'attività che ha dato diritto al beneficio.

Ai sensi del d.p.c.m. del 23 aprile 2010, art. 11 comma 7, non sono erogate le somme d'importo complessivo inferiore a 12 euro.


La comunicazione delle coordinate bancarie

Gli enti del volontariato ammessi al beneficio del 5 per mille comunicano - tramite il rappresentante legale - le proprie coordinate bancarie o postali, necessarie per l'accredito su conto corrente, all'Agenzia delle Entrate:
- accedendo ai servizi telematici  e utilizzando l'apposita procedura;
- consegnando, presso un ufficio dell'Agenzia, un modello per la richiesta di accreditamento riservato a soggetti diversi dalle persone fisiche.

Per ogni informazione, consulta il sito dell'Agenzia delle Entrate.

Gli enti che non comunicano le proprie coordinate, ovvero che non dispongono di un conto corrente, dovranno seguire le modalità alternative per l'accredito al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali: ulteriori informazioni sono disponibili cliccando qui (modulo ed istruzioni in fondo alla pagina).