Home / Temi e priorità / Ammortizzatori sociali / Focus on / Cassa Integrazione Straordinaria (CIGS) / Fermo pesca

Fermo pesca

Fermo pesca obbligatorio

Presentazione istanze per riconoscimento indennità a sostegno del reddito in favore dei dipendenti delle imprese adibite alla Pesca Marittima per l'anno 2017 - art. 1, comma 346, Legge n. 232/2016, Decreto interministeriale n. 5 del 23 novembre 2017, circolare MLPS 22/2017

Per quanto previsto dalla Circolare n. 22 del 22 dicembre 2017 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, le imprese adibite alla Pesca Marittima che nel 2017 sono state interessate alla sospensione dell'attività lavorativa derivante da misure di arresto temporaneo obbligatorio deciso dalle autorità pubbliche, devono presentare, dal 1°  gennaio 2018 al 31 gennaio 2018, istanza per il riconoscimento dell'indennità a sostegno del reddito in favore dei propri dipendenti utilizzando il sistema denominato CIGSonline.

Inoltre è stata pubblicata la Circolare n. 1 del 19 gennaio 2018 - integrativa della Circolare di cui sopra - che chiarisce l'ambito applicativo dell'indennità giornaliera a favore dei dipendenti delle imprese adibite alla Pesca Marittima e fornisce indicazioni operative in merito alle modalità di presentazione delle istanze. In particolare, la Circolare estende l'indennità ai casi di sospensione dell'attività lavorativa derivante da tutte le misure di arresto temporaneo obbligatorio delle imbarcazioni decise dalle autorità pubbliche e non solo a quelle di cui al d.m. n. 16769 del 26 luglio 2017. L'indennità giornaliera, inoltre, è riconosciuta anche per la giornata del sabato, che viene conteggiata come giornata lavorativa.

Chiarimenti D.I. (MLPS-MIPAAF-MEF) n. 5 del 23/11/2017 - Circolare (MLPS) n. 22 del 22/12/2017 - Circolare (MLPS) n. 1 del 19/01/2018.

A seguito di molteplici quesiti pervenuti, dopo aver acquisito il parere del MIPAAF, si rappresenta quanto segue. Il Decreto ministeriale n. 16769 del 26 luglio 2017 stabilisce, all'art. 4 "Misure tecniche successive all'interruzione temporanea", il rispetto, successivamente ai periodi continuativi di interruzione temporanea obbligatoria di cui all'art.1 del predetto decreto, dell'obbligo di ulteriori giornate di interruzione dell'attività di pesca. Pertanto, si ritiene che, trattandosi di misure obbligatorie, le giornate di interruzione effettuate possano essere conteggiate ai fini del riconoscimento dell'indennità a sostegno del reddito in favore dei dipendenti delle imprese adibite alla pesca marittima per l'anno 2017, introdotta dall'art. 1, comma 346, della Legge n. 232 dell'11 dicembre 2016. In merito, invece, alla possibilità di ricomprendere nell'indennizzo anche le misure di cui al comma 2, art. 4 del d.m. (MIPAAF) n. 11732 del 7 luglio 2016, si ritiene che non possa essere concessa, in quanto trattasi di misure attuate nell'annualità 2016, che non risultano ammissibili per la normativa vigente per il 2017. Il MIPAAF comunicherà quanto esposto all'Autorità marittima.


Le operazioni necessarie per l'utilizzo di tale sistema sono descritte nel Manuale utente.

Per peculiarità del settore della pesca, il Manuale utente è integrato dalle istruzioni specifiche per il settore.

Queste istruzioni, da consultare preliminarmente, descrivono alcune operazioni che per il solo settore della  pesca si differenziano da quanto riportato nel citato Manuale utente.

Le istruzioni del settore della pesca devono ritenersi integrative e non sostitutive del Manuale utente.


Il file FPO2017.ods, predisposto per il riepilogo dei giorni di arresto temporaneo ai fini del calcolo dell'indennità giornaliera, dopo compilazione e rinomina (vedi istruzioni specifiche per il settore), deve essere allegato all'istanza digitale in CIGSonline (sezione 7).

Il file IBAN.odt, dopo essere stato compilato e sottoscritto da ciascun imbarcato per il quale si richiede l'indennità di fermo pesca obbligatorio e rinominato (vedi istruzioni specifiche per il settore), deve essere allegato all'istanza digitale in CIGSonline (sezione 7).

Tra gli allegati alla domanda digitale occorre inserire - oltre quanto previsto dalla circolare e dalle istruzioni del settore - una delega del rappresentante aziendale nei confronti dell'utente di CIGSonline (vedi Manuale utente, sezione 7).