Home / Temi e priorità / Immigrazione / Focus on / Cooperazione internazionale / Iniziative progettuali

Iniziative progettuali

20 maggio 2020

​Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha promosso negli anni molteplici iniziative di cooperazione con i Paesi di origine dei flussi migratori verso l'Italia e delle comunità migranti più numerose presenti sul territorio nazionale. L'obiettivo è favorire percorsi di mobilità regolare dei cittadini di Paesi terzi, al fine di disincentivare la migrazione irregolare e facilitarne l'inserimento nel mercato del lavoro. In particolare, la promozione di schemi di migrazione circolare - che comportano un ingresso temporaneo in Italia per lo svolgimento di un periodo di formazione o di tirocinio/lavoro con conseguente rientro nel Paese d'origine - è ritenuto un approccio vantaggioso sia per i migranti che per i Paesi interessati.

I progetti mirano a promuovere la formazione professionale e linguistica dei cittadini di Paesi terzi in un'ottica di accrescimento delle loro competenze e qualifiche professionali, al fine di aumentarne le opportunità occupazionali. Vengono promosse, inoltre, azioni di capacity building rivolte alle Istituzioni dei Paesi terzi che si occupano della gestione dei flussi migratori, delle relazioni con le diaspore, di formazione e servizi per l'impiego, per rendere più efficaci i percorsi di mobilità e di inserimento lavorativo.

Nell'ambito delle relazioni istituzionali di coordinamento delle politiche di cooperazione, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali partecipa al Comitato Interministeriale per la Cooperazione allo Sviluppo (CICS) e al Consiglio Nazionale per la Cooperazione allo Sviluppo (CNCS) con l'obiettivo di migliorare la strutturazione e la coerenza delle iniziative di cooperazione del sistema Italia.

Inoltre, il Ministero ha stipulato nel 2018 un Protocollo d'Intesa con l'Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo al fine di realizzare, nel quadro delle rispettive competenze istituzionali, un coordinamento dei programmi e iniziative di cooperazione, promuovere obiettivi comuni e sviluppare la complementarietà e le sinergie degli interventi.

Il Ministero del Lavoro ha intrapreso, inoltre, un percorso di valorizzazione delle diaspore e delle loro realtà associative, confrontandosi con i rappresentanti delle associazioni di cittadini migranti sia in termini di condivisione di informazioni ed esperienze che di contributo alla definizione di specifici interventi di cooperazione in ambito migratorio. Parte di questo percorso è rappresentata dalla partecipazione del Ministero del Lavoro - in qualità di partner - al progetto "Summit Nazionale delle Diaspore" (2017 -2020) volto ad instaurare un dialogo tra Istituzioni, comunità migranti in Italia e nuove generazioni, al fine di rafforzare le competenze delle associazioni delle diaspore, consolidare le loro reti organizzative ed incentivare la loro partecipazione al sistema della cooperazione italiana.


Elenco progetti: 

Il progetto "D.O.M.D.E." nasce dalla collaborazione tra l'Italia e la Moldova per attuare un modello di migrazione circolare volto a supportare il rientro produttivo dei migranti moldavi e il loro reinserimento lavorativo nel Paese d'origine, massimizzando il loro contributo allo sviluppo dell'imprenditoria sociale in Moldova.

Durata: Novembre 2017 – Dicembre 2018

 

Il progetto "FORM@" è stato finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali tramite il Fondo Asilo, Migrazione, Integrazione (FAMI) per la realizzazione di attività di orientamento e formazione civico-linguistica pre-partenza rivolte a cittadini di Paesi Terzi aventi diritto al ricongiungimento familiare in Italia.

Durata: Novembre 2017 - Ottobre 2019


Nel quadro dell'accordo bilaterale in materia di migrazione e lavoro stipulato nel 2011, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha intrapreso un percorso di cooperazione bilaterale Italia-Moldova sui temi della mobilità e della qualificazione del capitale umano. Le azioni sono state realizzate tramite ANPAL Servizi (già Italia Lavoro) nel quadro del programma La Mobilità Internazionale del Lavoro.

Durata: Ottobre 2015 - Maggio 2019