Home / Temi e priorità / Immigrazione / Focus on / Tavolo caporalato / Attività Gruppi di lavoro

Attività Gruppi di lavoro

Come previsto dal Decreto Interministeriale di organizzazione e funzionamento del Tavolo Caporalato del 4 luglio 2019, le attività del Tavolo, finalizzate alla definizione della strategia generale di contrasto al caporalato e allo sfruttamento lavorativo nel settore agricolo, sono supportate da sei Gruppi di lavoro specializzati in altrettante tematiche. I Gruppi, rispetto a ciascuna area di competenza, con il coordinamento della Segreteria del Tavolo, hanno il compito di definire le azioni prioritarie da intraprendere e di monitorarne l'attuazione.


Gruppo di lavoro n.1
"Prevenzione, vigilanza, repressione del fenomeno del caporalato"
Coordinamento: Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL)

Il Gruppo di lavoro individua le aree in cui il fenomeno è maggiormente diffuso, nelle quali potenziare la vigilanza ed i controlli tenendo in considerazione la stagionalità delle colture e i relativi periodi di raccolta. Le azioni individuate dal Gruppo sono inoltre finalizzate ad assicurare il corretto raccordo tra prevenzione del fenomeno e repressione, attraverso la formazione del personale coinvolto nelle ispezioni ed il coinvolgimento della società civile.

 

Gruppo di lavoro n.2
"Filiera agroalimentare, prezzi dei prodotti agricoli"
Coordinamento: Ministero delle Politiche Agricole, alimentari e forestali (MIPAAF)

Le attività del Gruppo sono incentrate sul tema della formazione del valore nella filiera agroalimentare. In particolare, partendo dall'analisi del mercato del lavoro agricolo e dei contratti di lavoro interni alla filiera, si individuano azioni finalizzate ad assicurare una corretta retribuzione per tutti i soggetti coinvolti (operai, aziende di produzione, distribuzione). Obiettivi del Gruppo sono: la semplificazione della normativa in materia assicurando il pieno rispetto dei diritti; la lotta alle pratiche sleali di mercato (quali le c.d. aste a doppio ribasso) che impongono alle imprese prezzi eccessivamente bassi, non sufficienti a coprire i costi di produzione operando nella legalità; il rafforzamento del sistema di incentivi alle imprese agricole per investimenti in sistemi di raccolta meccanizzati, la valorizzazione dei prodotti agricoli agli occhi dei consumatori.

 

Gruppo di lavoro n.3
"Intermediazione tra domanda e offerta di lavoro e valorizzazione del ruolo dei Centri per l'Impiego"
Coordinamento: Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro (ANPAL)

Il Gruppo individua azioni di potenziamento dei canali legali di incontro tra domanda e offerta di lavoro nel settore agricolo, con un focus specifico sul ruolo del settore pubblico e dei Centri per l'Impiego (CPI). Obiettivo del Gruppo è, per quanto riguarda quest'ultimo aspetto, la declinazione di un programma per il rafforzamento dell'organico dei CPI e per la formazione specifica degli operatori. Il Gruppo individua inoltre soluzioni innovative per l'intermediazione nel mercato del lavoro, quali, ad esempio, lo sviluppo di una piattaforma informatica ad hoc, interconnessa con i sistemi pubblici regionali e dei privati.

 

Gruppo di lavoro n 4
"Trasporti"
Coordinamento: Regione Basilicata (alla luce della competenza delle Regioni in materia di trasporti regionali)

L'attività del Gruppo è rivolta a realizzare un rafforzamento dei servizi di trasporto offerti, considerando le esigenze di imprese agricole e lavoratori (navette a chiamata, linee di bus specificatamente dedicate al trasporto nei campi di raccolta etc.). Obiettivo del Gruppo è inoltre assicurare il coordinamento dei servizi offerti tra settore pubblico e privato e intervenire, a livello nazionale, per un rafforzamento dell'infrastruttura.

 

Gruppo di lavoro n.5
"Alloggi e foresterie temporanee"
Coordinamento: Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI)

L'attività del Gruppo è volta alla creazione di un sistema di accoglienza, che tenga conto delle esigenze di produttori e lavoratori e che, al tempo stesso, coinvolga gli amministratori locali, a seconda delle esigenze e delle caratteristiche dei diversi territori. Obiettivo delle attività è inoltre assicurare la connessione tra alloggi e trasporti, individuando soluzioni alternative agli insediamenti informali (c.d. ghetti).

 

Gruppo di lavoro n. 6
"Rete del lavoro agricolo di qualità"
Coordinamento: Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (INPS)

Tema centrale dei lavori del gruppo è la Rete del Lavoro Agricolo di Qualità (Rete) un insieme di aziende agricole che, tramite apposita richiesta di adesione, autocertificano il rispetto delle norme in materia di lavoro, legislazione sociale, imposte sui redditi e sul valore aggiunto. Queste imprese, per tale motivo, salvo eccezioni e salvo verifica sulla sussistenza dei requisiti nel tempo, vengono escluse da ispezioni ed accertamenti.

Il Gruppo è rivolto ad un potenziamento della Rete, attribuendo a tale organismo funzioni di coordinamento con il coinvolgimento di istituzioni e parti sociali e dotandolo di un'articolazione diffusa a livello territoriale. Obiettivi del Gruppo sono la revisione della struttura organizzativa e del funzionamento delle sezioni territoriali della Rete, l'elaborazione di proposte normative per promuovere l'adesione delle imprese agricole alla Rete ed indirizzare efficientemente i controlli e le ispezioni.