Home / Notizie / COVID-19: esonero della quota di contribuzione delle filiere agrituristiche, apistiche, brassicole, cerealicole, florovivaistiche e vitivinicole

COVID-19: esonero della quota di contribuzione delle filiere agrituristiche, apistiche, brassicole, cerealicole, florovivaistiche e vitivinicole

20 novembre 2020

Diventa operativo l'esonero previsto dal D.L. 19 maggio 2020, n. 34 (art. 222, comma 2), convertito con modificazioni in L. 17 luglio 2020, n. 77, e successivamente integrato dall'art. 58 quater del D.L. 14 agosto 2020, n. 104 (c.d. Decreto Agosto), introdotto in sede di conversione in L. 13 ottobre 2020, n. 126. La norma ha esteso la platea dei beneficiari dell'esonero alle aziende vitivinicole associate anche ai codici Ateco 11.02.10 e 11.02.20, anche integrando le risorse stanziate per l'esonero.

Il Decreto interministeriale che attua la norma dispone il riconoscimento dell'esonero, da parte dell'INPS, su istanza delle imprese nonché la sospensione dei versamenti della contribuzione riferita ai periodi retributivi oggetto dell'esonero, già scaduti e non ancora versati, ovvero in scadenza, per i destinatari dell'agevolazione fino alla definizione delle istanze medesime.

Con il Messaggio n. 4353 del 19 novembre 2020, l'Inps, dunque, fornisce chiarimenti in merito alla verifica della regolarità contributiva per il periodo dal 1° gennaio 2020 al 30 giugno 2020 riguardo all'esonero della quota di contribuzione delle filiere agrituristiche, apistiche, brassicole, cerealicole, florovivaistiche, vitivinicole, nonché dell'allevamento, dell'ippicoltura, della pesca e dell'acquacoltura.
Da ultimo, L'INPS evidenzia che la sospensione contributiva per il periodo dal 1° gennaio 2020 al 30 giugno 2020 comporta che l'assenza del versamento, in attesa del rilascio del modulo di presentazione dell'istanza di esonero e fino alla definizione delle relative procedure, non rileva ai fini della verifica di regolarità contributiva nei confronti dei soggetti identificati con i codici Ateco provvisoriamente indicati nel Messaggio n. 3341/2020 e confermati nell'elenco allegato al Decreto interministeriale. Allo stesso modo, per le aziende beneficiarie della sospensione contributiva, l'esposizione debitoria è esclusa da eventuali domande di rateazione dei debiti contributivi in fase amministrativa fino al rilascio del modulo di presentazione dell'istanza di esonero.

Per maggiori dettagli, consulta il Messaggio.