Home / Notizie / Disponibile la newsletter immigrazione di maggio 2019

Disponibile la newsletter immigrazione di maggio 2019

11 giugno 2019

In evidenza in questo numero l'ordinanza con cui la Prima Sezione Civile della Cassazione ha rimesso alle Sezioni Unite la questione dell'applicabilità o meno delle norme del Decreto Sicurezza ai giudizi già in corso prima della loro entrata in vigore.

Inoltre è segnalata la sentenza della Corte di Giustizia secondo cui il diritto dell'Unione Europea prevede una protezione internazionale dei rifugiati più ampia di quella garantita dalla Convenzione di Ginevra.
Così, anche se quest'ultima consente l'espulsione o il respingimento di un rifugiato considerato un pericolo per la sicurezza o la collettività del paese in cui risiede, tali respingimenti sono comunque in contrasto con il diritto dell'Unione complessivamente considerato, e in particolare con i diritti garantiti dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea.

Da segnalare anche i chiarimenti forniti dall'ABI - Associazione Bancaria Italiana - in merito alla possibilità per i richiedenti asilo di aprire un conto corrente, a prescindere dall'essere o meno residenti in Italia.

Dal punto di vista dei numeri, si segnalano gli ultimi dati diffusi dall'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo (EASO) dai quali risulta che, nel mese di marzo di quest'anno, le domande di protezione internazionale verso i Paesi UE sono aumentate del 20% rispetto allo stesso periodo dell'anno passato. Tale aumento è in gran parte dovuto al numero più elevato di domande presentate da cittadini provenienti da Stati esenti dall'obbligo del visto per entrare nello spazio Schengen, in particolare Venezuela, Colombia, Albania e Georgia.

Per quanto riguarda l'Italia, secondo i dati diffusi dal Ministero dell'Interno, nel primo quadrimestre 2019 sono sbarcati nel nostro Paese il 92% di migranti in meno rispetto allo stesso periodo del 2018. Ridotte alla metà, rispetto allo stesso periodo dell'anno passato, anche le domande di protezione internazionale presentate.

Sul fronte della lotta al caporalato si segnalano il patto contro lo sfruttamento del lavoro in agricoltura, promosso e sottoscritto dalla Regione Veneto, e i Protocolli d'intesa siglati nelle province siciliane di Ragusa e Siracusa.

Proseguono inoltre le audizioni nell'ambito dell'indagine conoscitiva sul fenomeno del caporalato in agricoltura avviata alla Camera dei Deputati nel dicembre scorso. Nel mese di maggio, in particolare, si sono svolte le audizioni dei rappresentanti di INPS e INAIL, nonché quelle delle ONG e degli enti del Terzo Settore.

In evidenza, infine, il messaggio del Papa per la 105a "Giornata Mondiale del Migrante", che si celebrerà il 29 settembre 2019.

 

Leggi la Newsletter di maggio 2019


Le Newsletter sono tradotte bimestralmente in inglese, francese e spagnolo. Per consultare i contenuti tradotti vai alla pagina dedicata sul Portale integrazione migranti.

Per consultare tutte le Newsletter, vai al sito dedicato

Per inviare contributi o informazioni su progetti, eventi e pubblicazioni in materia di immigrazione è possibile scrivere all'indirizzo di posta elettronica redazioneintegrazione@lavoro.gov.it.