Home / Notizie / Finanziamenti ai Comuni che garantiscono un livello minimo di assistenti sociali in proporzione agli abitanti

Finanziamenti ai Comuni che garantiscono un livello minimo di assistenti sociali in proporzione agli abitanti

12 febbraio 2021

La Legge 178/2020 (Legge di Bilancio per il 2021) all'articolo 1, comma 797 e seguenti, ha introdotto un livello essenziale delle prestazioni di assistenza sociale definito da un operatore ogni 5.000 abitanti e un ulteriore obiettivo di servizio definito da un operatore ogni 4.000 abitanti. 

In quest’ottica, ai fini di potenziare il sistema dei servizi sociali comunali, ha previsto l’erogazione di un contributo economico a favore deli  Ambiti sociali territoriali (ATS) in ragione del numero di assistenti sociali impiegati in proporzione alla popolazione residente.

Il contributo, di natura strutturale, è così determinato: 

  • 40.000 euro annui per ogni assistente sociale assunto a tempo indeterminato dall’Ambito, ovvero dai Comuni che ne fanno parte, in termini di equivalente a tempo pieno, in numero eccedente il rapporto di 1 a 6.500 abitanti e fino al raggiungimento del rapporto di 1 a 5.000; 
  • 20.000 euro annui per ogni assistente sociale assunto in numero eccedente il rapporto di 1 a 5.000 abitanti e fino al raggiungimento del rapporto di 1 a 4.000.

Per definire il contributo spettante, entro il 28 febbraio ciascun Ambito territoriale dovrà inviare un prospetto riassuntivo al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, anche per conto dei Comuni che ne fanno parte.

A tal fine, con la Nota 1447 del 12 febbraio 2021 vengono fornite le istruzioni operative e un foglio di calcolo excel di ausilio ai Comuni per il calcolo del numero di dipendenti in termini di equivalenti a tempo pieno. 

Il finanziamento, a valere sul Fondo povertà, come detto ha natura strutturale e non riguarda solo le nuove assunzioni. 

Per approfondimenti vai alla pagina Potenziamento servizi