Home / Notizie / Fondo per le vittime dell'amianto nell'esecuzione delle operazioni portuali: estensione delle prestazioni per gli anni 2021 e 2022

Fondo per le vittime dell'amianto nell'esecuzione delle operazioni portuali: estensione delle prestazioni per gli anni 2021 e 2022

24 novembre 2022

Il Decreto 30 settembre 2022 stabilisce le procedure e le modalità di erogazione, per gli anni 2021 e 2022, delle prestazioni a carico del Fondo per le vittime dell'amianto in favore degli eredi di coloro che sono deceduti a seguito di patologie asbesto-correlate per esposizione all'amianto nell'esecuzione delle operazioni portuali.
Possono accedere alle prestazioni del Fondo gli eredi di coloro che sono deceduti a seguito di patologie asbesto-correlate per l'esposizione all'amianto nell'esecuzione delle operazioni portuali nei confronti dei quali sia dovuto il risarcimento del danno, patrimoniale e non patrimoniale, come liquidato con sentenza esecutiva o con verbale di conciliazione giudiziale. È riconosciuto l'accesso alle prestazioni anche alle Autorità di sistema portuale soccombenti in sentenze esecutive o comunque parti debitrici in verbali di conciliazione giudiziale.
La misura della prestazione è stabilita dall'INAIL in misura di una quota percentuale annuale fissata sulla base del rapporto tra l'ammontare complessivo dei risarcimenti stabiliti in sentenza o nel verbale di conciliazione giudiziale e il limite di spesa annualmente previsto per ciascuno degli anni 2021 e 2022.