Home / Notizie / Il saluto del Sottosegretario al Lavoro, Luigi Bobba, all'udienza concessa dal Santo Padre

Il saluto del Sottosegretario al Lavoro, Luigi Bobba, all'udienza concessa dal Santo Padre

28 novembre 2016

Si è svolta nella mattinata di sabato 26 novembre, l'udienza concessa da Papa Bergoglio ai volontari ed ex volontari del Servizio Civile Nazionale.

L'evento ha costituito il momento più alto nei festeggiamenti per la ricorrenza del quindicesimo anniversario della Legge 6 marzo 2001, n. 64, "Istituzione del Servizio Civile Nazionale".

L'onorevole Luigi Bobba, Sottosegretario di Stato al Lavoro e alle Politiche Sociali, ha rivolto il messaggio di saluto al Santo Padre, al Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, e alla numerosa platea dei presenti.

In particolare, l'onorevole Bobba ha ricordato le tappe e le cifre del Servizio Civile Nazionale, senza dimenticare quegli 800.000 giovani che, tra il 1972 e il 2001, avevano optato per il Servizio Civile alternativo a quello militare di leva, poiché obiettori di coscienza.

Ponendo in evidenza la recente apertura del Servizio Civile anche ai "nuovi cittadini", a chi è venuto a vivere in Italia "arrivando da Paesi lontani segnati dalla fame, dalla guerra e dall'impossibilità di una vita dignitosa" - ha proseguito il Sottosegretario - non può sfuggire quanto il Servizio Civile sia "strumento d'inclusione, di valorizzazione di storie e talenti diversi, di acquisizione di una cittadinanza sostanziale".

Inoltre - ricordando la proposta italiana avanzata dal premier Renzi, per arrivare a un Servizio Civile Europeo - l'onorevole Bobba ha elogiato i giovani presenti perché il loro entusiasmo e la loro energia uniti "all'intelligenza degli adulti con cui condividete ogni giorno la fatica del progetto in cui siete impegnati, possono fare la differenza, rimuovere gli ostacoli e rendere spedito il cammino", anche lungo un percorso così difficile come quello comunitario.


Vai al testo completo del saluto del Sottosegretario Bobba​