Home / Notizie / I temi dell’infanzia e l’adolescenza attraverso la Child Guarantee

I temi dell’infanzia e l’adolescenza attraverso la Child Guarantee

20 giugno 2022

Le ragazze e i ragazzi del gruppo di lavoro Youth Advisory Board (YAB) si sono riuniti per la seconda volta a Roma, nei giorni 11 e 12 giugno 2022, per confrontarsi con la Coordinatrice nazionale e con le Istituzioni sui processi in atto rispetto ai temi prioritari dettati dalla Raccomandazione istitutiva della Garanzia per l’Infanzia del giugno 2021 (Child Guarantee) che ha invitato i Paesi membri ad adottare un piano di misure per il contrasto alla povertà minorile e all’esclusione sociale. 

Lo Youth Advisory Board, nato per favorire la partecipazione delle ragazze e dei ragazzi al Piano Nazionale della Garanzia Infanzia è stato costituito a cura dell’Unicef nell’ambito della fase pilota del Child Guarantee finanziata dalla commissione europea in stretta collaborazione con il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali con il Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei ministri e con il supporto tecnico scientifico dell'Istituto degli Innocenti. 

A farne parte sono un gruppo eterogeneo di circa 20 adolescenti e giovani, che ha il compito di raccogliere le voci di bambine/i, ragazze/ragazzi che vivono in Italia e partecipare alla pianificazione, implementazione, monitoraggio e valutazione delle azioni previste dalla Child Guarantee.  Da dicembre scorso ad oggi lo YAB e i suoi sottogruppi si sono riuniti a Firenze e hanno poi continuato i lavori online per elaborare una serie di raccomandazioni, riportate al “Gruppo di lavoro Politiche e interventi sociali a favore dei minorenni in attuazione della Child Guarantee" durante l’audizione del 24 febbraio e successivamente integrate all’interno del Piano di Azione Nazionale per la Garanzia Infanzia (PANGI).

Il secondo incontro in presenza ha posto le basi per il lavoro che i membri dello YAB dovranno portare avanti nel secondo semestre del 2022, per garantire l’ascolto di bambine e bambini, ragazze e ragazzi in Italia e portare le loro voci alle istituzioni e agli organi attuativi incaricati dell’implementazione del Piano Nazionale per la Child Guarantee.

Per saperne di più: