Home / Notizie / Italia - Canada: accordo bilaterale di mobilità giovanile su formazione e lavoro

Italia - Canada: accordo bilaterale di mobilità giovanile su formazione e lavoro

2 novembre 2022

È entrato in vigore il 1° novembre l'accordo bilaterale di mobilità giovanile tra Italia e Canada, sottoscritto l'11 dicembre 2020, che offre opportunità di formazione professionale ai giovani italiani e canadesi di età compresa tra i 18 e i 35 anni che si affacciano al mondo del lavoro. Per il 2023, saranno 2.000 per ciascuna Parte i giovani che potranno beneficiare dell'Accordo. 

Il nuovo Accordo sostituisce il Memorandum d'Intesa tra Italia e Canada del 2006 in materia di "Vacanze Lavoro" e ne amplia la portata, con l'estensione da parte italiana del permesso di lavoro a 12 mesi e l'introduzione di nuove categorie di partecipanti. Esso prevede, in particolare, le seguenti tre categorie: 

a) "Vacanze-lavoro" per coloro che intendano viaggiare nel Paese ospitante e ottenere un lavoro temporaneo durante il soggiorno;

b) "Giovani lavoratori" dedicato a coloro che abbiano già ottenuto un contratto di lavoro nel Paese ospitante, a sostegno del proprio sviluppo professionale o attinente al proprio precedente settore di studi;

c) "Tirocinio internazionale" rivolto a studenti iscritti a un corso presso un istituto di studi di livello post secondario che abbiano ottenuto nel Paese ospitante un tirocinio attinente al proprio settore di studi, quale requisito del proprio curriculum accademico. 

Si precisa che i richiedenti il visto dovranno essere muniti di un documento di viaggio in corso di validità, con scadenza superiore di almeno tre mesi rispetto a quella del visto richiesto. Inoltre, gli interessati dovranno avere alla data in cui la domanda è ricevuta un'età compresa tra i 18 e 35 anni inclusi. La validità del visto sarà commisurata alla durata prevista del soggiorno in Italia, comunque non superiore a 12 mesi.


Vai alla pagina web sul sito del Maeci

Leggi le FAQ su "Ingresso e soggiorno per vacanze lavoro" sul Portale Integrazione Migranti