Home / Notizie / Legge di Bilancio 2021: domande di pensione relative alla nona salvaguardia

Legge di Bilancio 2021: domande di pensione relative alla nona salvaguardia

20 gennaio 2021

Con il Messaggio n. 195 del 18 gennaio 2021, l'INPS ha fornito indicazioni in materia di domande di verifica del diritto alla pensione e domande di pensione ai sensi dell'articolo 1, commi da 346 a 348, della Legge n. 178/2020 (c.d. nona salvaguardia).

Nello specifico, il comma 346 della Legge di Bilancio 2021 individua le categorie di lavoratori a cui si continuano ad applicare i requisiti di accesso e il regime delle decorrenze vigenti prima dell'entrata in vigore del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito con modificazioni in L. 22 dicembre 2011, n. 214, ancorché maturino i requisiti per l'accesso al pensionamento successivamente al 31 dicembre 2011.

Inoltre, la Legge di Bilancio 2021 prevede che per ciascuna categoria di lavoratori salvaguardati si applichino le specifiche procedure previste nei precedenti provvedimenti in materia, da ultimo stabilite con Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali del 14 febbraio 2014.

L'Istituto fornisce, quindi, le istruzioni relative alla presentazione delle domande, dando atto che il sistema di gestione è già aggiornato anche con la tipologia relativa alla domanda di pensione ai sensi dell'articolo 1, commi da 346 a 348, della Legge n. 178/2020.

Quanto ai lavoratori beneficiari, il provvedimento riporta il seguente elenco:
- Lavoratori autorizzati ai VV con versamenti (accreditati o accreditabili) al 6/12/2011
- Lavoratori autorizzati ai VV senza versamenti (accreditati o accreditabili) al 6/12/2011
- Lavoratori cessati entro il 30/06/2012
- Lavoratori cessati dopo il 30/06/2012
- Lavoratori cessati per risoluzione unilaterale
- Lavoratori in congedo per figli con disabilità
-
Lavoratori a tempo determinato e lavoratori in somministrazione cessati tra il 1° gennaio 2007 e il 31 dicembre 2011. 

Per maggiori dettagli, consulta il Messaggio.