Home / Notizie / Ministro Orlando alla premiazione "Welcome. Working for Refugee Integration" di UNHCR

Ministro Orlando alla premiazione "Welcome. Working for Refugee Integration" di UNHCR

14 giugno 2022

Questo progetto prevede il coinvolgimento diretto di soggetti sociali e imprenditoriali. Anche lo Stato deve fare la sua parte ed è quello che abbiamo cercato di fare, meno di un mese fa, insieme alla ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, con un protocollo d'intesa tra costruttori edili e sindacati per accompagnare al lavoro 3mila tra richiedenti asilo e rifugiati”. Lo ha detto ieri, a Roma, il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Andrea Orlando, presente alla premiazione in Campidoglio del progetto "Welcome. Working for Refugee Integration" di UNHCR, agenzia ONU per i rifugiati.

Per l’occasione sono state premiate 107 aziende che nel biennio 2020-21 hanno favorito l'inserimento professionale di oltre 6mila rifugiati, sostenendo il loro processo d'integrazione in Italia. Nello specifico, UNHCR, con i suoi partner supporta le aziende nella coprogettazione di percorsi di formazione e inserimento lavorativo, insieme alle associazioni e alle realtà che accolgono i rifugiati sul territorio.

"Il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali accompagna da tempo con convinzione questo progetto - ha detto Orlando – perché fondato sui valori dell’inclusione". Complessivamente, dal 2017, più di 350 aziende sono state premiate per aver favorito l'inserimento lavorativo di oltre 10mila rifugiati, ampliando l'orizzonte della loro responsabilità sociale e promuovendo la realizzazione di percorsi di integrazione condivisi e partecipativi.

"Usciamo da una pandemia - ha osservato il ministro Orlando - in cui credo che vadano usate tutte le energie del Paese, comprese quelle dei rifugiati e abbiamo una guerra in corso che ha fatto già registrare 125mila profughi, soprattutto donne e bambini. I flussi migratori non sono solo opportunità, ma anche fonte di problemi che la politica deve gestire e non cavalcare. Dobbiamo ripartire e crescere insieme e abbiamo persone che hanno bisogno di lavorare per integrarsi”.