Home / Notizie / Pensione di inabilità per i lavoratori che hanno contratto malattie professionali a causa dell'esposizione all'amianto

Pensione di inabilità per i lavoratori che hanno contratto malattie professionali a causa dell'esposizione all'amianto

17 febbraio 2020

Il Decreto Ministeriale del 16 dicembre 2019, del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, specifica i criteri e i requisiti di concessione della pensione di inabilità per i lavoratori individuati dall’art.1, comma 250 bis, della legge 232/2016.

In particolare, ai fini dell’accesso alla prestazione - come stabilito dall'art.3 del Decreto - sono richiesti il possesso da parte dell’assicurato di un’anzianità contributiva di almeno 5 anni e il riconoscimento da parte dell’INAIL di una patologia asbesto-correlata di origine professionale.

Per quanto riguarda le domande di accesso al beneficio, l'art. 4 del testo stabilisce, al suo comma 2, che a decorrere dal 1° gennaio 2020, esse "devono essere presentate all’INPS entro e non oltre il 31 marzo di ogni anno".

Al suo art. 6, infine, il Decreto regola anche i casi di incompatibilità e incumulabilità delle pensioni di inabilità.