Home / Notizie / Ulteriori risorse finanziarie ai Fondi di solidarietà bilaterale: emanato il Decreto interministeriale

Ulteriori risorse finanziarie ai Fondi di solidarietà bilaterale: emanato il Decreto interministeriale

5 giugno 2020

Il Decreto interministeriale n. 11 del 30 maggio 2020, relativo all’assegnazione delle risorse finanziarie ai Fondi di solidarietà bilaterale alternativi di cui all’art. 27 del D.lgs. 148/15, ai sensi dell’articolo 19, comma 6, del Decreto Legge n.18 del17 marzo 2020, convertito, con modificazioni, dalla Legge n. 27 del 24 aprile 2020 n. 27, come modificato dal Decreto legge n. 34 del 19 maggio 2020, provvede alla ripartizione di 1020 milioni di euro tra i due Fondi interessati (1100 milioni meno gli 80 milioni già distribuiti con il DI n. 8 del 2 aprile 2020), Forma.Temp e FSBA, sulla base del numero degli iscritti, anche in prospettiva, dagli stessi enti comunicati, come già fatto nel precedente decreto DI n.8 del 2 aprile 2020. È assegnato, pertanto, a Forma.Temp il 75% delle risorse e a FSBA il 25%.

Al comma 2 del medesimo articolo si precisa, inoltre, che le somme assegnate dal precedente comma 1 - come previsto dal comma 6-bis del Decreto legge n. 18 del 17 marzo 2020 e modificato dal Decreto Legge n.34 del 19 maggio 2020 - saranno trasferite ai rispettivi Fondi con successivi Decreti, previo monitoraggio da parte dei Fondi stessi dell'andamento del costo della prestazione, sulla base delle prestazioni effettivamente erogate e comunicate al Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

All’articolo 2, si rappresenta che l’onere complessivo di spesa è posto a valere sul capitolo 2419 dello stato di previsione del Ministero del Lavoro per l’esercizio finanziario 2020.

All’articolo 3, infine, oltre a specificare che la misura di sostegno al reddito prevista per l’emergenza da COVID-19 è finanziata con le risorse già acquisite da ciascuno Fondo e dal finanziamento ad hoc di cui al Decreto in oggetto, si rappresenta la necessità del controllo e monitoraggio del limite di spesa e del rispetto di quanto previsto dall’articolo 35 del Decreto legislativo n.148 del14 settembre 2015.