Home / Stampa e media / Comunicati / L'Italia aderisce alla Global Deal Partnership

L'Italia aderisce alla Global Deal Partnership

14 giugno 2022

L’Italia è nuovo partner della Global Deal Partnership, l’iniziativa internazionale che affronta le sfide globali del mercato del lavoro incoraggiando governi, imprese, sindacati e altre organizzazioni a impegnarsi nel migliorare il dialogo sociale.

L’adesione formalizzata da parte del Governo italiano richiama in particolare le recenti iniziative realizzate a livello nazionale per proseguire a rafforzare e aggiornare la normativa in materia di lavoro agile, anche attraverso il coinvolgimento attivo delle parti sociali e valorizzando il ruolo della contrattazione collettiva.

L’impegno profuso finora in questa direzione dall’Italia e in particolare dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali è stato massimo: dopo la legge nazionale n. 81 del 2017, che regolamentava il modello di lavoro agile, a dicembre scorso, tenuto conto del significativo incremento del ricorso allo strumento del lavoro da remoto dovuto alla pandemia globale da Covid-19, il Governo italiano e le parti sociali hanno firmato un importante accordo nazionale sullo smart working.

L’accordo, oltre a stabilire un quadro per la regolamentazione del “nuovo” modo di lavorare nel settore privato ha permesso di istituire a marzo 2022 un Osservatorio nazionale sul lavoro agile presso il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, composto da vari rappresentanti delle parti sociali. Uno degli obiettivi dell’Osservatorio è certamente quello di di valorizzare e promuovere il ruolo del dialogo sociale e della contrattazione collettiva come strumenti efficaci per regolamentare il lavoro agile.

"Aderiamo alla Global Deal Partnership sostenendo il suo obiettivo di promozione e rafforzamento del dialogo sociale – ha dichiarato il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Andrea Orlando – con lo scopo di affrontare insieme le sfide future: raggiungere un lavoro dignitoso per tutti, l'uguaglianza e le pari opportunità e promuovere una crescita inclusiva e sostenibile, garantendo luoghi di lavoro sicuri".