Home / Stampa e media / Comunicati / Ex Almaviva: un piano per il reinserimento lavorativo con formazione e bonus assunzionale per 1.050 ex dipendenti della sede di Roma

Ex Almaviva: un piano per il reinserimento lavorativo con formazione e bonus assunzionale per 1.050 ex dipendenti della sede di Roma

7 maggio 2019

​Nell'ambito del Protocollo d'intesa sottoscritto tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e la Regione Lazio, sono state presentate oggi le misure di politica attiva a favore dei 1.050 lavoratori ex dipendenti della sede di Roma di Almaviva Contact SpA.

In base al Protocollo, il Ministero ha assegnato alla Regione Lazio risorse per 10 milioni di euro, di cui  "3.529.678 euro per cofinanziare un bonus per le assunzioni a tempo indeterminato dei lavoratori ex dipendenti Almaviva Contact SpA - sede di Roma". Le risorse stanziate dal Dicastero copriranno quattro filoni operativi: l'indennità di partecipazione ai corsi, l'indennità di tirocinio extracurriculare, il bonus assunzione tempo indeterminato e le spese per attuazione e monitoraggio e rendicontazione.

Sul versante dell'ente locale, la Regione Lazio si è impegnata a finanziare complessivamente 9.799.178 euro, di cui "1.799.178 euro per i percorsi formativi orientati ai fabbisogni di competenze espressi dal mercato del lavoro per riqualificare le competenze dei lavoratori al fine di favorire il loro reinserimento nel mercato del lavoro e 8.000.000 per cofinanziare un bonus per le assunzioni a tempo indeterminato" dei medesimi lavoratori.

Come ha spiegato il dottor Francesco Vanin, Consigliere per le imprese, le crisi di impresa e del lavoro per il Ministro Luigi Di Maio, "il caso Almaviva Contact, che a suo tempo ha visto il licenziamento collettivo di oltre 1.600 lavoratori nella sola area di Roma, per questo Ministero è tutt'altro che chiuso.  Si tratta di una vicenda dolorosa che il Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico si è impegnato a seguire personalmente in tutti gli ambiti di sua responsabilità.
Ecco, quindi, in primis il forte impegno per favorire la ricollocazione di questi lavoratori, attraverso un percorso che vede da un lato una formazione mirata alle effettive esigenze delle aziende che in questo momento richiedono figure professionali con specifiche competenze, dall'altro una stretta collaborazione con le associazioni di categoria e con le aziende che intenderanno assumere gli ex lavoratori Almaviva. Per queste imprese - ha terminato Vanin - abbiamo previsto un bonus assunzionale che mi auguro possa favorire il reinserimento nel mondo del lavoro".

Particolare attenzione sarà dedicata alla verifica dello stato di avanzamento: in base alla convenzione, Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali "designa i componenti del Tavolo di Governance su proposta della Regione Lazio, di Anpal e di Anpal Servizi SpA, con obbligo di riunirsi con cadenza trimestrale e, in ogni caso, qualora ciascuna delle parti ne faccia richiesta". Per il Dicastero, la responsabilità del progetto è stata attribuita alla Divisione III della Direzione Generale degli ammortizzatori sociali e della formazione.

Alla presentazione delle misure di politica attiva, che si è svolta al parlamentino del Ministero dello Sviluppo Economico, hanno preso parte, oltre ai rappresentanti del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, anche quelli della Regione Lazio, dell'ANPAL, di ANPAL Servizi e numerosi stakeholders.


Leggi le slide del Progetto ALMAVIVA