Home / Stampa e media / Comunicati / Il tema dei lavoratori con contratto part-time ciclico verticale sotto la lente del Ministero del Lavoro

Il tema dei lavoratori con contratto part-time ciclico verticale sotto la lente del Ministero del Lavoro

24 luglio 2019

In mattinata il Sottosegretario Claudio Cominardi ha voluto incontrare i vertici e i tecnici dell'INPS, del MEF, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e i rappresentanti dei sindacati confederali, esprimendo apertamente la volontà di “giungere quanto prima alla soluzione di un problema che penalizza decine di migliaia di lavoratori, soprattutto donne, che svolgono lavori umili ma importanti e dignitosi. Lavoratori e lavoratrici che assicurano al Paese e a milioni di famiglie servizi fondamentali come l'ausiliariato, la pulizia e la ristorazione nelle mense scolastiche, e cui abbiamo il dovere di garantire diritti e adeguate tutele”.

“Si tratta - ha premesso Cominardi - di un tema che a livello parlamentare raccoglie una sensibilità trasversale. Io stesso, in sede di discussione del Decreto istitutivo del Reddito di Cittadinanza e di Quota 100, ho provato ad avanzare un emendamento, purtroppo venuto meno. Non è venuto meno l’obiettivo, però, poiché esistono tutti i presupposti per una risoluzione del problema”.

Il presidente dell’INPS, Pasquale Tridico, ha manifestato la “piena disponibilità dell’Istituto” nella predisposizione di una norma che - come ha ricordato anche il Sottosegretario Cominardi - "eviterebbe sia all'ente di previdenza, sia all'apparato giudiziario, lo spreco di ingenti risorse per via delle azioni legali aperte dai lavoratori”. Un obiettivo - quello della riduzione dei contenziosi - recentemente fissato dall’INPS anche nella sua Relazione Annuale.