Home / Stampa e media / Comunicati / Premi di produttività

Premi di produttività

16 maggio 2018

Sono 32.542 i contratti aziendali e territoriali depositati; 10.633 quelli ancora "attivi"[1]

A seguito della pubblicazione del Decreto Interministeriale 25 marzo 2016, relativo alla detassazione dei premi di produttività, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha reso disponibile la procedura per il deposito telematico dei contratti aziendali e territoriali. Dopo 60 giorni, termine transitorio per l'invio dei modelli riferiti a contratti sottoscritti nel 2015, a partire dal 15 luglio 2016 il sistema è entrato a pieno regime.

Alla data del 15 maggio 2018, sono state compilate 32.542 dichiarazioni di conformità (moduli), redatte secondo l'articolo 5 del DM 25 marzo 2016.

Il grafico che segue mostra la distribuzione mensile dei moduli depositati [1]:

premi-produttivita-aggiornato-al-15052018.png


La tabella che segue mostra la distribuzione regionale delle dichiarazioni:

premi-produttivita-aggiornato-al-15052018-tabella-regionale.png

Alla data del 15 maggio 2018, 10.633 dichiarazioni di conformità si riferiscono a contratti tuttora attivi; di queste, 8.858 sono riferite a contratti aziendali e 1.775 a contratti territoriali.

La tabella che segue mostra la distribuzione territoriale dei contratti attivi:

Regione ITLAZIENDALETERRITORIALETotale
01-PIEMONTE9791061.085
02-VALLE D'AOSTA12113
03-LOMBARDIA2.6843433.027
04-BOLZANO33740
04-TRENTO127139266
05-VENETO1.0043421.346
06-FRIULI26525290
07-LIGURIA19621217
08-EMILIA ROMAGNA1.2491961.445
09-TOSCANA546249795
10-UMBRIA10221123
11-MARCHE15720177
12-LAZIO607162769
13-ABRUZZO1484152
14-MOLISE19221
15-CAMPANIA26817285
16-PUGLIA13418152
17-BASILICATA422971
18-CALABRIA571269
19-SICILIA14320163
20-SARDEGNA8641127
Totale8.8581.77510.633


Dei 10.633 contratti attivi, 8.390 si propongono di raggiungere obiettivi di produttività, 6.247 di redditività, 5.301 di qualità, mentre 1.633 prevedono un piano di partecipazione e 4.494 prevedono misure di welfare aziendale.

Prendendo in considerazione la distribuzione geografica, per sede legale, delle aziende che hanno depositato le 32.542 dichiarazioni ritroviamo che il 78% è concentrato al Nord, il 16% al centro e il 6% al Sud.

Un'analisi per settore di attività economica evidenzia come il 58% delle dichiarazioni si riferisca ai Servizi, il 40% all'Industria e il 2% all'Agricoltura.

Se invece ci si sofferma sulla dimensione aziendale otteniamo che il 52% ha un numero di dipendenti inferiore a 50, il 33% ha un numero di dipendenti maggiore o uguale a 100 e il 15% ha un numero di dipendenti compreso fra 50 e 99.

Per le 10.633 dichiarazioni di conformità che si riferiscono a contratti tuttora attivi la distribuzione geografica, per sede legale, è la seguente: 75% al Nord, 17% al centro e 8% al Sud.

Per settore di attività economica, la distribuzione rilevata è: 59% Servizi, 40% Industria, 1% Agricoltura.

Per dimensione aziendale, si osserva che il 51% di dichiarazioni riguarda aziende con numero di dipendenti inferiore a 50, il 34% con numero di dipendenti maggiore o uguale a 100, il 15% con numero di dipendenti compreso fra 50 e 99.


Decontribuzione

A seguito della pubblicazione del Decreto Interministeriale 12 settembre 2017, è possibile indicare, all'atto del deposito telematico dei contratti aziendali, la decontribuzione per le misure di conciliazione dei tempi di vita e lavoro dei dipendenti.

Alla data del 15 maggio 2018, sono state compilate 1.512 dichiarazioni di conformità (moduli) di cui 945 corrispondenti a depositi validi anche ai fini della detassazione e 567 corrispondenti a depositi validi solo ai fini della decontribuzione.

1.133 dichiarazioni si riferiscono a contratti tuttora "attivi", di cui 668 corrispondenti a depositi validi anche ai fini della detassazione e 465 corrispondenti a depositi validi solo ai fini della decontribuzione.

Risultano essere state accettate dall'INPS 312 istanze di sgravio contributivo la cui sede aziendale per il 69% è al Nord, il 18% al centro e il 13% al Sud.

Queste risultano fare a riferimento per il 57% ad aziende nel settore dei Servizi e per il 43% nell'Industria.

In termini di dimensione aziendale, la distribuzione risulta per il 43% in aziende con numero di dipendenti inferiore a 50, il 43% con numero di dipendenti maggiore o uguale a 100 e il 14% con numero di dipendenti compreso fra 50 e 99.

___________________________

[1] Per "attivo" si intende il contratto in cui il "periodo di validità" indicato nel modello comprende il mese di maggio 2018.

[1] La tabella illustra i valori assoluti di tutti i contratti depositati mese per mese, non cumulativi come quelli finora utilizzati nei report precedenti. I valori dei primi tre mesi sono influenzati dal c.d. "periodo transitorio" secondo il quale fino al 16 luglio 2016 c'era la possibilità di depositare i contratti sottoscritti fin dal 1° gennaio 2015.