Home / Temi e priorità / Europa e fondi europei / Focus on / Brexit

Brexit

10 febbraio 2022

La Brexit è il processo avviato dal referendum del 23 giugno 2016 quando la maggioranza dell'elettorato britannico ha espresso la volontà di porre fine all'adesione del Regno Unito (UK) all'Unione Europea (UE).

Tale processo è poi proseguito, dal 19 giugno 2017, attraverso lo svolgimento dei negoziati per condurre il Regno Unito fuori dalla UE alla scadenza inizialmente fissata al 29 marzo 2019 (due anni dopo la notifica del recesso), in base all'art. 50 del Trattato sull'Unione Europea.

L'originaria scadenza del recesso dalla UE è stata più volte modificata dal Consiglio europeo.

Nel mentre, in considerazione del continuo evolversi della situazione, l'UE ha chiesto di predisporre misure di preparazione e di emergenza a tutti i livelli, per fare fronte alla possibilità di un'uscita senza accordo o "no deal" del Regno Unito dall'Unione Europea, tramite una serie di proposte legislative nelle aree prioritarie.

Di conseguenza, l'Italia ha adottato il Decreto Legge 25 marzo 2019, n. 22, convertito in Legge 20 maggio 2019, n. 41, recante "Misure urgenti per assicurare sicurezza, stabilità finanziaria e integrità dei mercati, nonché tutela della salute e della libertà di soggiorno dei cittadini italiani e di quelli del Regno Unito, in caso di recesso di quest'ultimo dall'Unione europea".

L'Accordo di recesso del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord dall'Unione europea e dalla Comunità europea dell'energia atomica (Withdrawal Agreement o WA) è stato firmato a Bruxelles e a Londra il 24 gennaio 2020 ed è entrato in vigore il 1° febbraio 2020, a seguito della relativa pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea L 29 del 31 gennaio 2020. Nell'Accordo è stato previsto un periodo di transizione, terminato il 31 dicembre 2020, durante il quale ha continuato a trovare applicazione al Regno Unito il diritto dell'Unione europea in materia di sicurezza sociale. Si veda al riguardo anche la circolare INPS n. 16 del 4 febbraio 2020.

Il 30 dicembre 2020, l'Unione europea e la Comunità europea dell'energia atomica, da una parte, e il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, dall'altra, hanno concluso un Accordo sugli scambi commerciali e la cooperazione (Trade and Cooperation Agreement o TCA), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea L 444 del 31 dicembre 2020.

In virtù del TCA sono stati coordinati i rispettivi sistemi di sicurezza sociale in conformità con il Protocollo sul coordinamento della sicurezza sociale (Protocol on social security coordination - PSSC), che costituisce parte integrante dell'Accordo stesso. In attesa che l'Accordo (TCA) fosse esaminato dal Parlamento europeo e dal Consiglio, prima della ratifica da parte dell'Unione Europea, le Parti hanno convenuto di applicare il TCA in via provvisoria dal 1° gennaio 2021 al 28 febbraio 2021, termine poi prorogato al 30 aprile 2021. In proposito, si segnala che - in materia previdenziale - in base alle previsioni del Protocollo (art. SSC.7 rubricato "Totalizzazione dei periodi"), hanno continuato a trovare applicazione le disposizioni sulla totalizzazione internazionale per l'accertamento del diritto e il calcolo delle prestazioni, anche con riferimento a periodi assicurativi, fatti o situazioni successivi alla data del 31 dicembre 2020 (si veda, sul punto, la circolare INPS n. 53 del 6 aprile 2021). Sono state, inoltre, fornite indicazioni per il lavoratori distaccati con la circolare INPS n. 71 del 27 aprile 2021. Successivamente al termine del periodo di transizione, l'INPS ha reso istruzioni in materia di ammortizzatori sociali e sulle modalità di scambio di informazioni tra istituzioni previdenziali (circolare INPS n. 98 del 8 luglio 2021).

L'Accordo sugli scambi commerciali e la cooperazione (TCA), firmato il 30 dicembre 2020 e applicato in via provvisoria dal 1º gennaio 2021, è entrato in vigore il 1º maggio 2021. In via generale, prevede:

  • un accordo di libero scambio, che prevede una collaborazione in materia economica, sociale, ambientale e nel settore della pesca;
  • una stretta collaborazione per quanto riguarda la sicurezza dei cittadini;
  • un assetto generale di governance.

Per tutte le informazioni sull'Accordo sugli scambi commerciali e la cooperazione (TCA) consulta la pagina dedicata sul sito istituzionale UE. 

Per i dettagli sull'attuale regolamentazione dei rapporti tra UE e Regno Unito, alla luce della Brexit, vai alla pagina dedicata sul sito istituzionale UE. 


Documenti ufficiali:

 Fonti di carattere istituzionale: