Home / Temi e priorità / Salute e sicurezza / Focus on / Malattie professionali / Dati statistici

Dati statistici

L’andamento delle malattie professionali negli ultimi anni ha registrato, in tutte le aree del Paese, una crescita molto sostenuta delle denunce di malattia professionale (da 26.745 del 2006 a 42.397 nel 2010, fonte archivi Banca dati statistica INAIL aggiornati al 31 ottobre 2011) sia in virtù delle numerose iniziative avviate dall'INAIL, con il contributo delle Parti sociali e dei medici di famiglia, volte a sensibilizzare i lavoratori e i datori di lavoro nel far emergere le cosiddette malattie "nascoste",  sia a seguito dell'entrata in vigore delle nuove tabelle (D.M. 9 aprile 2008) che, classificando come "tabellate" molte patologie (in particolare quelle dell'apparato muscolo-scheletrico da sovraccarico bio-meccanico e movimenti ripetuti) prima "non tabellate", hanno in pratica esonerato il lavoratore dall'onere della prova dell'origine lavorativa di queste malattie, incentivando così il ricorso alla tutela assicurativa. In aggiunta a ciò va detto come per effetto della nuova struttura e definizione tabellare, costituente ora un vero e proprio vademecum per il medico competente, si sia assistito - dopo la loro introduzione - ad un notevole aumento delle denunce “plurime” (più malattie denunciate contemporaneamente da un lavoratore), un fattore tecnico con però un rilevante effetto sul conteggio complessivo dei casi.


Protagoniste dei record di denunce sono le malattie osteo-articolari e muscolo-tendinee, dovute prevalentemente a sovraccarico bio-meccanico, rappresentanti ormai, con quasi 26 mila denunce nel 2010, circa  il 60% del complesso. Tra queste, in particolare, spiccano le affezioni dei dischi intervertebrali (oltre 9 mila denunce) e le tendiniti (più di 8 mila), patologie più che raddoppiate negli ultimi 5 anni. Seguono, principalmente, l’ipoacusia da rumore (circa 6 mila casi l’anno e, fino al 2008 la patologia più numerosa), le malattie da asbesto (asbestosi, neoplasie e placche pleuriche) per oltre 2 mila casi l’anno (in crescita) e le malattie respiratorie (circa 2 mila l’anno, escludendo quelle correlate all’asbesto).


Nella tabella che segue sono contenuti i dati relativi alle Malattie Professionali manifestatesi nel periodo 2006-2010 e denunciate, per gestione e tipo di malattia (con elenco delle principali). I dati sono in corso di aggiornamento e a luglio con la presentazione del Rapporto annuale INAIL saranno rese disponibili nuove tabelle con estrazione degli archivi al 30 aprile 2012.


 


ALTRI DATI