Home / Temi e priorità / Ammortizzatori sociali / Focus on / Cassa Integrazione Straordinaria (CIGS) / COVID-19 Deroga

COVID-19 Deroga

1 giugno 2020

AVVISO dell'1 giugno

L'articolo 71 del Decreto legge 19 maggio 2020, n.34 recante "Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonché di politiche sociali connesse all'emergenza epidemiologica da Covid-19" ha inserito, al Dl 17 marzo 2020, n.18 convertito  dalla Legge 24 aprile 2020 n.27, dopo l'articolo 22 bis anche l'articolo 22 quater che prevede la disciplina inerente i trattamenti di integrazione salariale in deroga 'Emergenza Covid-19' per periodi successivi alle prime nove settimane.

Con decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministro dell'Economia  e delle Finanze, di cui al comma 5 del summenzionato articolo 22 quater, saranno "stabilite le modalità di attuazione del presente articolo".


AVVISO

A seguito dello stato emergenziale attualmente in vigore, in conformità all'art.22 del Decreto Legge 18/2020, nonché alla Circolare n. 8 dell'8 aprile 2020, per le domande da presentare con causale "COVID-19 Deroga" è possibile utilizzare la Scheda1/A - Crisi aziendale​ (Manuale Utente CIGSonline Paragrafo 2.1.6 – Sezione 6 – Scheda), salvarla in "bianco" e ricaricarla sul sistema per procedere all'inoltro della domanda.

Scaricare e compilare la scheda predisposta e allegarla, in formato .xls oppure .ods, alla domanda.

Modalità compilazione domande CIG in Deroga (art.22 del Decreto Legge 18/2020)

Nota bene: nella Circolare n. 8/2020, alla pagina 5, penultimo capoverso, secondo rigo, dove è scritto: «…al comma 1 dell'articolo 1», leggasi correttamente «al comma 1 dell'articolo 22».

AVVISO del 30 aprile

A seguito della conversione in Legge - L.24 aprile 2020, n. 27 - con modificazioni, del Decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, recante "Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19. Proroga dei termini per l'adozione di Decreti legislativi", all'art. 22 sono stati aggiunti al comma 4, i seguenti periodi "Per i datori di lavoro con unità produttive site in più Regioni o Province Autonome il trattamento di cui al presente articolo può essere riconosciuto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali secondo le modalità di cui al comma 1 e di cui al quarto e al quinto periodo del presente comma. Nei Decreti di riparto di cui al comma 3 è stabilito il numero di Regioni o Province Autonome in cui sono localizzate le unità  produttive del medesimo datore di lavoro, al di sopra del quale il trattamento è riconosciuto dal predetto Ministero".